• cricchementali@gmail.com

Intervista a Melania Mieli

Intervista a Melania Mieli

Melania Mieli - Intervista- Stefania Siano OfficialPresentati.

Melania Mieli è lo pseudonimo che utilizzo per pubblicare i miei romanzi. La decisione di tenere segreta la mia identità deriva dalla incompatibilità che percepisco tra la mia vita personale e il desiderio di essere sincera nella scrittura. A Dicembre 2015 è uscito per la casa editrice Lettere Animate il romanzo di genere erotico “Il Tredicesimo Periodo”. Ho aperto un blog e da quella esperienza è nato un nuovo romanzo intitolato “Il Piano dei Conti” la cui pubblicazione è prevista per la fine del 2016 a cura della casa editrice Milena Edizioni.

Come è nata la passione per la scrittura?

La passione è nata giocando a fare la scrittrice. Negli anni del liceo ho scritto orrendi gialli e patetiche storie d’amore, esperienze insignificanti da un punto di vista letterario ma che mi hanno dato la consapevolezza che “disciplinare” alcune emozioni con un mezzo razionale come la scrittura mi faceva stare bene. Per molti anni ho scritto per imparare a scrivere. Elaboravo schede di personaggi e trame ma a ogni tentativo, a seconda dell’umore, concludevo che i risultati erano o fallimenti o banalità.

Fino a maggio del 2015 ero piuttosto convinta di confinare la passione per la scrittura a mero uso privato. Poi c’è stato un avvenimento importante nella mia vita che ha rimesso in discussione molte mie convinzioni. Ho scelto di dare dignità e importanza a ogni parte di me. Ho preso coraggio e proposto ad alcune case editrici “Il Tredicesimo Periodo”.

Qual è il tuo stile?

La dualità fa parte anche del mio stile di scrittura. Non sono un -citando il film “Vanilla Sky” di Crowe- “rimanda-piaceri”, quando ho l’ispirazione ho bisogno di scrivere immediatamente l’ossatura del romanzo. In questa fase seguo la dottrina e tecnica della prosa moderna articolata in 30 punti proposta da Kerouac, in particolare il punto 28: “Componi in modo scatenato, indisciplinato, puro, procedendo dal basso, più folle è meglio è”. Terminata la prima stesura, inizio la seconda fase di revisione. È un momento al quale dedico la massima attenzione e che può impiegare anche il triplo del tempo dedicato alla fase precedente.

Il genere letterario che preferisci di più?

Sono una lettrice onnivora al 98%. Quando mi trovo dalla parte di chi sceglie se acquistare o meno un libro mi baso su criteri differenti dal genere.

Quale genere letterario non ti piace?

Non ci sono generi letterari che escludo a priori. Di solito non leggo libri horror, non perché non mi piacciano ma per il motivo che non mi piace essere spaventata, cerco altre emozioni dalla lettura.

Come nascono le tue storie?

Fino a questo momento, sono nati prima i personaggi e poi l’arco narrativo. Canali privilegiati di ispirazione per disegnare i caratteri e i tratti fisici dei miei personaggi sono: il cinema, la televisione, la fotografia, i social network, la letteratura e le mie esperienze di vita.  

In genere ti immedesimi nei tuoi personaggi?

Fantastico di essere i miei personaggi, più come esercizio di recitazione piuttosto che evasione. I miei personaggi non sono dei “vorrei ma non posso”; sono frutto della mia immaginazione, certo, ma solo nel senso che sono stata io ad assegnargli la forma e il contenuto e a usare le mie esperienze di vita per alimentare l’invenzione letteraria. Non utilizzo la scrittura come strumento per raccontare i fatti miei e trovo piuttosto limitante questa moda contemporanea che consiste nel cercare sempre qualcosa dell’autore in una sua opera.

 

Come è nata la tua ultima opera?

Il Tredicesimo Periodo è un progetto che tra alti e bassi fa parte della mia vita dal 2003. La visioneMelania Mieli - Intervista- Stefania Siano Official del film di Bertolucci, The Dreamers, e soprattutto l’interpretazione di Eva Green ha acceso qualcosa in me e ha profondamente suggerito i tratti distintivi del carattere di Estelle. Ho preparato e affinato una scheda personaggio che è rimasta chiusa in un cassetto virtuale per anni, più di cinque. La trama è maturata tempo dopo, grazie a numerose influenze: il romanzo fantasy di Jacqueline Carey, Il Dardo e la Rosa, mi ha fatto capire che “inventariare” le modalità con cui rappresentare il desiderio, seppur semplicistico, segna un sentiero agevole dal quale partire per trovare la propria strada; una puntata di Annozero (programma di approfondimento presentato dal giornalista Santoro) mi ha fatto conoscere gli effetti fiscali positivi della legalizzazione della prostituzione; i numerosi workshops sul tema della sessualità che ho frequentato mi hanno permesso di conoscere l’ambiente BDSM della mia città e i meccanismi che vi si celano dietro. Nel 2010 ho iniziato la prima stesura il romanzo, a fine 2015 ho scritto la parola “fine”.

Stai lavorando a qualche altro libro?

Sto scrivendo un altro libro ma dubito – in questo momento – che lo pubblicherò.

Il tuo sogno?

Partecipare attivamente nel breve periodo a una rivoluzione femminista. Partendo dalla televisione e arrivando ai cattivi esempi della politica, penso che la figura della donna sia uscita svilita da questi ultimi 25 anni di storia, soprattutto italiana. Non vedo oggi una maggiore consapevolezza di prima, anzi percepisco molta più dipendenza da convenzioni sociali imperanti e nello stesso tempo una decadenza totale della sessualità. Sento che i tempi sono maturi per una nuova fase che permetta alle donne di reagire con strumenti all’avanguardia alle ingiustizie di cui sono quotidianamente vittime.

Contatti:
melania.mieli@gmail.com
https://www.facebook.com/MelaniaMieli/

Link di acquisto: Amazon

Stefania Siano

Stefania Siano è autrice di libri fantasy e blogger di “Cricche mentali di un’aspirante scrittrice”(www.stefaniasiano.com), uno spazio web in cui tratta di libri e collabora con varie case editrici tra cui Rizzoli, Bompiani e DeA. È laureata in conservazione e restauro dei beni culturali, ma le sue passioni sono la scrittura e la lettura. Nel 2011 vince il suo primo concorso letterario con il racconto il Dott. A-Z e nel 2015 esce il libro d’esordio “Dov’è Alice?” con Lettere Animate Editore. Nel 2017 auto-pubblica il primo racconto della serie fantasy orientale “Aki il Bakeneko” e nel 2019 segue la pubblicazione urban fantasy de "La maledizione di Solarius" con Plesio Editore. Le copertine e le illustrazioni dei suoi lavori sono realizzati dalla sorella illustratrice Paola Siano. Le pubblicazioni: -2019 - La maledizione di Solarius edito da Plesio Editore -2017 - Aki il Bakeneko autopubblicato (https://amzn.to/2CPbGiE) -2015 - Dov'è Alice? edito da Lettere Animate (https://amzn.to/2Wn9fN2)

Invia il messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.