• cricchementali@gmail.com

Nella bocca del lupo di Morpurgo | Recensione

Nella bocca del lupo di Morpurgo | Recensione

Nella bocca del lupo

Morpurgo

Francis e Pieter, due fratelli molto uniti eppure così diversi. Quando scoppia la seconda guerra mondiale scelgono strade opposte: Pieter si arruola nell’aviazione britannica e va a combattere, mentre Francis, convinto pacifista, fa obiezione di coscienza e si ritira nella campagna francese. Le loro idee sembrano guidarli, ma la guerra travolge tutto e Francis si ritroverà solo di fronte al nemico. Uno dei più grandi autori per ragazzi contemporanei attinge alla storia vera dei suoi zii per dar voce alla lunga e commovente lettera di un uomo che, nel giorno del suo novantesimo compleanno, ricorda il fratello scomparso settant’anni prima. Il testo è accompagnato dalle raffinate ed evocative illustrazioni di barroux.

Eri sempre stato così sicuro di te. Volevi essere un grande attore ed è ciò che eri diventato. Quanto a me, i ritrovai un giorno davanti a una classe di quaranta bambini, cercando di fare l’insegnante.

Una storia dai toni malinconici che ripercorre, attraverso i ricordi di Francis, alcuni momenti della seconda guerra mondiale.

La storia si apre con Francis che festeggia il suo novantesimo compleanno. Al termine della festa, prima di addormentarsi, l’anziano si perde nei ricordi del passato e si sofferma sulle persone che non ci sono più.

Con uno stile dolce e nostalgico, il lettore ripercorre le tappe e i legami più importanti della vita di Francis, dal rapporto con il fratello Pieter, al primo incontro con la moglie, fino ad affrontare le scelte che lo hanno portato a contatto con la guerra.

La storia è accompagnata da delle delicate illustrazioni in bianco e nero di Barroux che enfatizzano ogni ricordo del protagonista, lasciando un velo di tristezza nel lettore.

La trama ha un buon ritmo, le parole scorrono velocemente con uno stile semplice e delicato, e ciò non va a sminuire l’atrocità della guerra. Ciò che dà una marcia in più a questo libro è la presenza delle foto delle persone che vengono nominate. Questa chicca, presente alla fine del volume non solo rende la trama più concreta, ma il trasporto emotivo sale quando si focalizza che la storia è un omaggio che fa l’autore ai suoi parenti. 

Nella bocca del lupo non è solo un libro per ragazzi che racconta di come la guerra abbia condizionato la vita di Francis, ma è anche un omaggio di un nipote che decide di raccontare la storia dei suoi zii.

#Prodottofornitoda @Rizzoli

Stefania Siano

Stefania Siano è autrice di libri fantasy e blogger di “Cricche mentali di un’aspirante scrittrice”(www.stefaniasiano.com), uno spazio web in cui tratta di libri e collabora con varie case editrici tra cui Rizzoli, Bompiani e DeA. È laureata in conservazione e restauro dei beni culturali, ma le sue passioni sono la scrittura e la lettura. Nel 2011 vince il suo primo concorso letterario con il racconto il Dott. A-Z e nel 2015 esce il libro d’esordio “Dov’è Alice?” con Lettere Animate Editore. Nel 2017 auto-pubblica il primo racconto della serie fantasy orientale “Aki il Bakeneko”. Nel 2019 segue la pubblicazione urban fantasy de "La maledizione di Solarius" con Plesio Editore e l'albo illustrato realizzato con Paola Siano "Piccolo Incubo e Dolce Sogno" edito Officina Milena. Le copertine e le illustrazioni dei suoi lavori sono realizzati dalla sorella illustratrice Paola Siano. Le pubblicazioni: -2019- Piccolo Incubo e Dolce Sogno edito Officina Milena (https://amzn.to/33TrsFt) -2019 - La maledizione di Solarius edito da Plesio Editore (https://amzn.to/32U9NfB) -2017 - Aki il Bakeneko autopubblicato (https://amzn.to/2CPbGiE) -2015 - Dov'è Alice? edito da Lettere Animate (https://amzn.to/2Wn9fN2)

Invia il messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.