• cricchementali@gmail.com

Archivio dei tag garzanti

Basta un caffè per essere felici di Kawaguchi | Recensione

L’aroma dolce del caffè aleggia nell’aria fin dalle prime ore del mattino. Quando lo si avverte, è impossibile non varcare la soglia della caffetteria da cui proviene. Un luogo, in un piccolo paese del Giappone, dove
si può essere protagonisti di un’esperienza indimenticabile. Basta entrare, lasciarsi servire e appoggiare le labbra alla tazzina per vivere di nuovo l’esatto istante in cui ci si è trovati a prendere una decisione sbagliata. Per farlo, è importante che ogni avventore stia attento a bere il caffè finché è caldo: una volta che ci si mette comodi, non si può più tornare indietro. È così per Gotaro, che non è mai riuscito ad aprirsi con la ragazza che ha cresciuto come una figlia. Yukio, che per inseguire i suoi sogni non è stato vicino alla madre quando ne aveva più bisogno. Katsuki, che per paura di far soffrire la fidanzata le ha taciuto una dolorosa verità. O Kiyoshi, che non ha detto addio alla moglie come avrebbe voluto. Tutti loro hanno qualcosa in sospeso, ma si rendono presto conto che per ritrovare la felicità non serve cancellare il passato, bensì imparare a perdonare e a perdonarsi. Questo è l’unico modo per guardare al futuro senza rimpianti e dare spazio a un nuovo inizio.

 

La gente mente per le ragioni più disparate. Certe bugie si dicono per presentarsi sotto una luce migliore, più interessante, oppure per ingannare gli altri. Le bugie possono far male, ma possono anche salvare la pelle. Qualunque sia il motivo, di solito alla fine ci si pente sempre di aver detto una bugia.

Se mi seguite sapete che ho amato “Finché il caffè è caldo”, primo volume di questa serie scritto da Kawaguchi e, a poco tempo di distanza, ecco uscire il secondo volume “Basta un caffè per essere felici”.

Si ritorna nell’antica caffetteria giapponese dove è possibile andare indietro nel tempo, in un dato momento della nostra vita, ma per fare questo ci sono delle regole da rispettare per non perdere se stessi.

Come nel primo volume, anche questo secondo libro si sviluppa in più racconti, a fare da sfondo è questa antica caffetteria con gli stessi proprietari che impariamo a conoscere maggiormente. Il lettore scopre il lato paterno del burbero Nagare e il trauma che porta dentro di sé la silenziosa e introversa Kazu.

I racconti sono ben bilanciati, colmi di messaggi importanti che è bene ricordare soprattutto in questo periodo storico che stiamo vivendo. La cosa che apprezzo dello stile di Kawaguchi è che riesce a rendere armoniosi i racconti dando la sensazione di leggere un classico romanzo.

Come in ogni raccolta di racconti che si legge ci sono sempre quelli che  catturano di più e altri di meno, alcuni mi hanno anche commossa. Ritornano vecchie conoscenze del primo volume, si incontrano nuovi personaggi ai quali il lettore alla fine si affeziona perché il potere di Kawaguchi è quello di far provare empatia per ogni storia che narra. 

Se devo essere sincera ho preferito di più il primo volume Finché il caffè è caldo a questo, semplicemente perché ho trovato alcuni passaggi un po’ forzati, ma a parte questo è stata una lettura piacevole e per me promossa.

Un romanzo che parla di rimorso e di paura, ma anche di speranza e accettazione.

#Prodottofonirtoda @Garzanti