• cricchementali@gmail.com

Archivio dei tag Recensioni Criccose

Recensione: L’accademia del Bene e del Male (#3) di S. Chainani

L'accademia del Bene e del Male - 3. L'ultimo lieto fine di [Chainani, Soman]Titolo: L’accademia del Bene e del Male – L’ultimo lieto fine
Autore: Soman Chainani
Editore: Mondadori
Genere: Fantasy, Libri per ragazzi
Link acquisto: Amazon

Trama: Agatha passava per odiosa e prepotente, ma si è scoperta buona e gentile. Sophie era considerata la persona più dolce del mondo, ma nascondeva un animo egoista e altezzoso. Sono sempre state unite, ma l’amicizia di una vita si è sciolta come neve al sole. Tedros era un perfetto principe delle favole, ma nella vita di tutti i giorni si rivela capriccioso, pretenzioso e viziato. Il Gran Maestro era vecchio e potente, e all’improvviso si è trasformato in un sedicenne pallido, affascinante, impulsivo. Sarebbe bello che ciascuno di loro potesse vivere fino in fondo la propria storia, come in ogni fiaba che si rispetti. Ma nulla è come sembra, nulla va come ci si aspetta… Solo una cosa accomuna tutto e tutti: la disperata ricerca del Lieto Fine. L’ultimo Lieto Fine.
«QUESTO NON È IL NOSTRO LIETO FINE, VERO?»

Una lettura magica, avvincente e piena di colpi di scena.
Ho adorato lo stile, una scrittura fluida e immediata che mi ha trascinata in un turbinio di emozioni e di avventura. L’autore è riuscito a intrattenermi con fantastici colpi di scena, momenti commoventi e con un finale perfetto!
Vi lascio alla video recensione 🙂

Ricordatevi di iscrivervi al canale (CLICCA QUIper essere sempre aggiornati sui nuovi video 🙂

L' Accademia del Bene e del Male di S. Chainani | Recensione
1,347 views
41    1
Published at 2017, March 22
Ciao Cricche!
Ecco una nuova video recensione. Questa volta vi parlo dell'ultimo volume dell'Accade
Show More

Recensione: Rewind di Jill Cooper

Rewind (The Rewind Agency Vol. 2) di [Cooper, Jill]Titolo: Rewind
Autore: Jill Cooper
Editore: Dunwich Edizioni
Genere: Fantascienza
Link acquisto: Amazon

Sinossi: Quando Lara Crane ha cambiato il passato e il corso della storia, cosa è successo al mondo che si è lasciata alle spalle? In questa novella ritroviamo i personaggi di Quindici Minuti in una realtà alternativa.
Il mondo è destinato all’abisso.
Rick ama Lara Crane più di ogni altra cosa e, quando lei prova a cambiare il passato, cerca di impedirglielo. Ma arriva troppo tardi e, mentre il mondo si sgretola intorno a lui, nessu­no crede alla sua storia sui viaggi nel tempo.
Nel frattempo il peggior incubo di John Crane diventa realtà quando sua figlia, Lara, non torna a casa dopo essere stata alla Rewind.
Costretto a rivivere il ricordo orribile della morte della moglie, John trova una chiave per un armadietto della YMCA che potrebbe svelare i segreti sull’omicidio di Miranda.
Una volta messi insieme i pezzi del puzzle, si trova in rotta di collisione con il destino. E chi è l’uomo nel mirino? Jax Montgomery.

Una novella breve, piena di adrenalina e di avventura.
Ho avuto il piacere di recensire  Quindici Minuti, il primo volume di questa serie che trascina il lettore nei viaggi del tempo, rievocando la saga cinematografica Ritorno al Futuro.
La protagonista di Quindici Minuti, Lara, si trova nel suo nuovo presente dopo essere riuscita a cambiare il passato, salvando la vita della madre. Tutto ciò che le era familiare e naturale cambia: la sua famiglia, il suo stile di vita, il suo ragazzo, ma cosa è successo nel suo vecchio presente?
Rewind parla proprio di questo, una novella in cui si alternano i punti di vista di Rick, fidanzato di Lara che è in preda all’agitazione e allo sconforto per le intenzioni della ragazza, e John, il padre amorevole che porta con sé il rimorso della vita passata con la moglie defunta.
Lara ha già cambiato il presente e i protagonisti di questa novella iniziano ad avere dei ricordi di una vita che a loro non appartiene, ma che diventano sempre più familiari.
Ho apprezzato molto i capitoli con il punto di vista di John che trovo più sentiti e maturi. Si scopre la tensione, il rimorso e la tristezza del passato con la moglie, del tradimento che ha scoperto, del loro riavvicinamento, tutti momenti e descrizioni che lo rendono un personaggio fragile, ma allo stesso tempo forte e determinato.
La scrittura è chiara e scorrevole e la lettura è resa più dinamica e avvincente per l’alternanza dei punti di vista dei due personaggi.
Una novella di poche pagine che soddisfa le curiosità del lettore sul vecchio presente di Lara, su come si è evoluto e trasformato nel presente che ha modificato.

Recensione: Il sogno di Keribe di Ilaria de Togni

Titolo: Il Sogno di Keribe
Autore: Ilaria de Togni
Editore: Gargoyle Books
Genere: Fantasy
Link acquisto: Amazon

Esiste un luogo chiamato Keribe, una dimensione onirica dove le coscienze ritrovano corporeità dopo la Prima Morte. I misteri di questo mondo sono celati da quattro confini invalicabili. Da uno di essi, l’Orlog, l’oscuro mare innavigabile, nasce Erinke. Quelli come lei, i ridestati, sono stati sterminati secoli fa e sono ormai una leggenda. Nessuno ricorda che provano emozioni umane, pur essendo qualcosa di diverso, apparentemente immutabili ed eterni. La nascita di Erinke non è passata inosservata. I Guardiani dei Confini e la Resistenza, due forze in aperto contrasto, la cercano, ma la sua scelta è di affidarsi a Nimpha, l’unica istituzione in grado di proteggerla. Sarà Ruben, incaricato di catturarla per la Resistenza, a sconvolgere i suoi piani. Fin dal primo momento sguardo, sono consapevoli che il loro destino è essere uniti. Ma la loro unione e i loro ideali porteranno Keribe sull’orlo di una spaventosa guerra tra i Mondi.

“Quando uno nasce come ridestato, ciò di cui fa più fatica a capacitarsi è se stesso. La nostra coscienza è catapultata, in un istante, dal Tutto di cui prima faceva parte, a una nuova forma fisica di cui abbiamo solo una consapevolezza intrinseca, e soprattutto paura. La vita ci appare spaventosa e squisita in ogni sapore, anche il più amaro. Voglio dire, prima eravamo ogni cosa, ora siamo soltanto noi. Le memorie di quello che eravamo prima, però non ci abbandonano mai del tutto.”

Ilaria de Togni esordisce con il mondo fantastico di Keribe, una dimensione onirica delimitata da quattro confini molto particolari e uno di questi è l’Orlog, un mare temibile e oscuro da cui emerge la nostra protagonista, Erinke, che è una ridestata.
La ragazza viene soccorsa da Cristof, un giovane uomo che vive in una fattoria, il quale la aiuta a rimettersi.
I ridestati sono esseri che possono rinascere, dopo la loro morte, nei confini di Keribe, ma non essendo accettati dalla società vengono cacciati da dei guardiani.
Dopo un periodo di permanenza nella fattoria di Cristof, Erinke è costretta a partire per non essere raggiunta dal suo aguzzino e nel corso del suo viaggio incontrerà tantissimi personaggi, alcuni di questi la vorranno come alleata, altri la vorranno uccidere secondo i loro principi politici.

Il sogno di Keribe ha tutte le caratteristiche per rientrare nel filone classico:  una terra magica, delle creature misteriose, un viaggio che promette azione e magia, ma allo stesso tempo si discosta molto dal tipico genere per la corposità della trama.
Per la scrittura dettagliata e ricercata, il Sogno di Keribe si presenta come un’opera fantastica con un contenuto maturo che si addentra nell’universo dell’inconscio.
Tanto di cappello alla scrittrice che è riuscita a creare questo mondo tanto particolare quanto complesso ed enigmatico, ma soprattutto originale.
Facilmente si può cadere nel cliché quando si lavora alla stesura di un fantasy classico, ma l’autrice è riuscita a creare un perfetto connubio tra elementi tradizionali e innovativi.
Mi sono innamorata subito di Cristof e mi sarebbe piaciuto leggere qualcosa in più su di lui, mentre Erinke è un personaggio adorabile e ben caratterizzato, la perfetta protagonista per un libro fantasy di questo genere.

Il Sogno di Keribe è un romanzo dalla struttura finemente intricata come la tela di un ragno che gioca con le oscure profondità dell’inconscio.

Un inizio di saga che promette molto bene!

Recensione: Shadow Magic di Joshua Khan

Recensioni criccose - Stefania Siano Official

khan-joshua-shadow-magicTitolo: Shadow Magic
Autore: Joshua Khan
Editore: De Agostini 
Genere: Fantasy
Link acquisto: Amazon

Sinossi: “Se cercate quel brivido che avete provato la prima volta che avete letto Harry Potter, non lasciatevi scappare Shadow Magic” – RICK RIORDAN, autore della serie bestseller Percy Jackson e gli Dei dell’Olimpo

Da quando i suoi genitori sono morti in circostanze misteriose, Lily Shadow è l’unica erede al trono di Geenna. Ma per una ragazzina di tredici anni, che non ha alcuna conoscenza della magia nera, governare il Regno delle Ombre è impossibile. I suoi antenati erano infatti in grado di comunicare con gli spiriti, risvegliare i morti, radunare truppe di zombie dalle tombe. Ma lei come potrà difendere il Paese, senza arti magiche e senza un esercito? L’unico modo per salvare Geenna è sposare Gabriel Solar, il rampollo della famiglia nemica, e assicurare così la pace. Gabriel però è un vero idiota e Lily non ha alcuna intenzione di arrendersi al proprio destino. Soprattutto quando scopre di avere un aiuto insperato in Thorn, un ragazzo dall’oscuro passato ma con un cuore coraggioso e la rara capacità di cavalcare pipistrelli giganti…
Epico, avventuroso e immaginifico: il primo capitolo di una straordinaria serie fantasy che vi farà divertire, trattenere il fiato e tremare fino all’ultima, appassionante pagina.

divisoreShadow Magic richiama gli elementi del fantasy classico, ma allo stesso tempo riesce a spezzare i soliti schemi, creando  un’opera originale, oscura e avventurosa. 

L’autore crea un mondo magico in cui sei Principi, ognuno dotato di un potere speciale, fonda le Sei Grandi Case shadow-magic-khan-recensione-stefania-siano-officialdella Magia.
Il lettore viene trasportato subito a Porto Sciabola e conosce Thorn, un ragazzino di dodici anni che sta per essere venduto come schiavo fin quando, proprio nel momento più critico, viene portato via da Mastro Tyburn, il quale lo fa diventare il suo scudiero. Tyburn è il boia al servizio della Casa Shadow, ovvero i regnanti che praticano le arti magiche oscure. Subito dopo lo scrittore presenta colei che governa Geenna, ovvero Lilith Shadow: una ragazzina di tredici anni che si trova a governare il regno dopo la morte dei suoi genitori e di suo fratello Dante. Il destino di Lily è quello di sposare Gabriel Solar per stabilire la pace tra i due paesi opposti: l’oscurità e la luce.
Le cose si complicano quando qualcuno tenta di avvelenarla, ma con l’aiuto di Thorn inizia la sua avventura per scoprire chi c’è dietro al suo attentato.

«Hai conosciuto gli Shadow?» lo interruppe Thorn. «I signori della morte?»
«Credo che loro preferiscano il termine “necromanti”, ma sì, conosco personalmente i sovrani di Geenna.»
Necromanti. Un’altra delle parole stravaganti di Merrick. Ma le parole stravaganti non cambiavano la realtà. Tutti sapevano che cos’erano gli Shadow: gente che esercitava la magia nera, risvegliava i morti dalle tombe e aveva zombie per servitori.«E ne sei tornato vivo?» Thorn controllò il collo di Merrick. Quei due segni erano cicatrici di un morso di vampiro o solo di pulci affamate? «Nessuno di loro ha bevuto il tuo sangue? Lord Shadow non è un vampiro?»
«Lord Iblis Shadow camminava alla luce del sole l’ultima volta che sono stato là. Non che nelle terre di Geenna ce ne sia molto, di sole.» Merrick si strofinò vigorosamente le braccia.

Ho iniziato la lettura di questa storia perchè affascinata dalla trama e incuriosita dalla frase di R. Riordan, autore di Percy Jackson: “Se cercate quel brivido che avete provato la prima volta che avete letto Harry Potter, non lasciatevi scappare Shadow Magic”.
Essendo una grande fan della saga della Rowling, come non tuffarmi in questa serie e scoprire se essere d’accordo o meno?
I personaggi sono adorabili, non sono riuscita a odiarne uno, neanche lo stesso antagonista.
Thorn è la personificazione del coraggio e della lealtà.
Lilith è una protagonista che entra subito nel cuore del lettore, è caparbia e agguerrita, ma anche smarrita e disorientata non solo perchè diventare la reggente del regno di Geenna non rientrava nel suo destino, ma anche perchè, essendo femmina, non le è concesso usare e conoscere la magia.

Fin dal suo primo vagito, a Lily era stato assegnato un destino ben diverso.
Perchè era nata femmina.
Le donne non potevano praticare la magia. La legge era antica e la punizione chiara: la morte.

Ho adorato anche i personaggi secondari, in particolar modo la dolce e tenera Rose, la quale anche lei ha sangue nero come Lilith, ma il destino ha voluto che fosse una semplice serva. 
E vogliamo parlare del fedele e taciturno Tyburn che, per certi aspetti, mi ha ricordato tanto il Mastino del telefilm “Trono di Spade”? 
Con una scrittura dinamica, Khan lascia che siano più i personaggi, attraverso i dialoghi, a raccontare gli avvenimenti, permettendo al lettore di entrare nel vivo della storia. 
La lettura è “impreziosita” da illustrazioni realizzate da Ben Hibon che raffigura alcune scene chiavi con un tratto netto e deciso.
Il mondo è simile a quello di Harry Potter con la differenza che la magia protagonista è quella nera, il potere che unisce la terra dei vivi con quella dei morti.
Un’ambientazione cupa, ma allo stesso tempo divertente e simpatica da ricordare, a volte, l’umorismo della famiglia Adams.

Shadow Magic potrebbe fare concorrenza a Harry Potter? 
Credo sia troppo presto per dirlo, ma ci sono tutte le premesse per un’avventura mozzafiato.

stelle 5

Recensione: Feline di Sarah Bianca

Recensioni criccose - Stefania Siano Official

Sarah Bianca FELINE- fazi editore- uscite di ottobre- stefania siano officialTitolo: Feline 
Autore: Sarah Bianca
Editore: Fazi Editore (LainYA)
Genere: Fantasy
Link acquisto: Amazon

Sinossi: In Germania, nascosta fra le fronde delle foreste più fitte, riparata dai corsi d’acqua più insidiosi, e soprattutto protetta dalla magia, la Tenuta è la comunità segreta che l’anziana Isolde ha costituito anni fa.
Qui, organizzati in clan, alleanze e veri e propri sistemi di governo, vivono i mutaforma, esseri umani con la capacità di assumere sembianze animali. Per Uriel, magnifica tigre bianca, avvenente nipote di Isolde e candidato alla reggenza in seguito al ritiro della nonna, il tempo della spensieratezza e delle avventure amorose sta per finire: deve lasciare la Tenuta e, insieme alla gemella Stella, mettersi alla ricerca della ragazza destinata a diventare la sua compagna; colei che non solo dovrà innamorarsi di lui, ma anche possedere quelle stesse capacità magiche di cui è dotata Isolde. Solo in questo modo Uriel potrà sperare di vincere la lotta per la successione, salire al potere e proteggere il proprio branco dalle minacce del mondo esterno.
È così che la giovane Dara – rimasta sola dopo l’incidente stradale che le ha portato via la famiglia – si ritroverà coinvolta in un mondo incredibile, combattuta fra il desiderio di tornare alla sua vita di sempre e l’enorme responsabilità di essere l’unica speranza per la Tenuta e per i suoi membri, ai quali presto si ritroverà indissolubilmente e perdutamente legata. Primo volume di una trilogia, tra scenari incantevoli, intrighi di potere, sentimenti e colpi di scena, Feline dà il benvenuto al lettore con un modern fantasy raffinato e completamente nuovo, dove restare fedeli a se stessi si rivela la battaglia più difficile.

divisore

Il silenzio divenne così pesante da trasformarsi in un ronzio basso, rumoroso. 
Gli occhi di tutti erano puntati sulla Roccia della Reggente dove la nonna, apparsa dal nulla, incombeva in tutta la sua magnificenza. 
Il suo sguardo percorse i vari clan e si soffermò su ogni singolo membro, osservandolo, valutandolo con estrema attenzione.
Molti si mossero a disagio e abbassarono la testa, altri sostennero lo sguardo come in segno di sfida, per alcuni istanti, soccombendo subito dopo. Quando giunse su di noi, mi sentii trapassato e sapevo che mia sorella provava la stessa identica sensazione. L’esame durò qualche istante in più rispetto a quello degli altri, abbassammo la testa contemporaneamente e per fortuna il suo sguardo passò oltre.
Con la coda dell’occhio vidi nostro padre e la sua compagna, seguiti da Manuel e Carmen, posizionarsi a coppie ai lati della Roccia. Era raro che la nonna convocasse la sua guardia personale, e questo significava che erano in arrivo delle decisioni impopolari.
Un brivido freddo mi scivolò lungo la schiena ed ebbi un orribile presentimento.

Emozionante, avventuroso e avvincente.
Feline è uno di quei libri che crea dipendenza dalla lettura.
L’autrfeline-sarah bianca-fazi editore- stefania siano officialice ha dato un ritmo veloce e ben scandito alla storia che non risulta frettoloso o poco approfondito, ma cattura l’attenzione del lettore a ogni singola parola.

Lo stile è scorrevole e avvincente, per non parlare della incisiva caratterizzazione dei personaggi sia dei principali e sia di quelli secondari.
Uriel è il carismatico, il bello e smaliziato che fa conquiste dei cuori delle giovani ragazze insieme alla sua gemella Stella.
Il protagonista maschile è ben delineato e si comprende fin dalle prime pagine, mentre ho trovato una ventata di freschezza e di scoperta con Stella, la quale è una ragazza forte e determinata, più spietata anche del fratello nei combattimenti, ma allo stesso tempo vive una situazione molto difficile per il suo essere omosessuale e per la relazione che ha con una mutaforma.
Con queste due grandi personalità, Dara si presenta come una semplice ragazza che cerca di reagire e di trovare una soluzione alla situazione scomoda che le è capitata, anche se fin da subito comprende che c’è qualcosa in lei che la tiene quasi ancorata ai mutaforma, al potere e alla magia.

Dara scopre di avere grandi capacità curative con il suo potere e ho trovato commovente e incredibilmente emozionante la scena in cui la protagonista decide di aiutare Andera, la madre della ragazza che ama Stella, la quale era ormai in fin di vita per una malattia. In questa scena c’è pericolo, curiosità, emozione, lotta, coraggio e alla fine amore materno. 
Il personaggio che più adoro è Isolde: la fredda, austera e calcolatrice Reggente e nonna di Stella e Uriel.
Isolde è una donna che ha sofferto in passato, ma che lo maschera abilmente con il suo atteggiamento rigido ed è pronta a tutto pur di vedere il nipote diventare reggente con al suo fianco Dara.

La lettura si alterna con i punti di vista di Uriel e Dara, permettendo al lettore di entrare subito in sintonia con i due protagonisti e di innamorarsene pagina dopo pagina.

Tra intrighi, tradimenti, battaglie e gelosie si snoda questo splendido primo capitolo della trilogia, lasciando il lettore in trepidante attesa di leggere il seguito.

Di seguito lascio anche la video recensione 🙂

spoiler

Generalmente tendo a non fare spoiler nelle mie recensioni, ma ci tengo a sottolineare un particolare: Uriel e Dara provano fin da subito una grande attrazione e, per chi ama leggere storie che trattano di mutaforma o lycan, sa bene che questo passaggio è quasi un cliché, il solito imprinting insomma, quell’attrazione fatale che lega due anime.
L’autrice non si smentisce neanche in questo per l’originalità e non fa altro che confermare l’adorazione che ho per Isolde, perchè dietro a tutto questo ci sono proprio  le sue arti magiche.

Con questa scelta il lettore viene intrappolato in un gioco sadico, lasciandolo nella perenne incertezza dei veri sentimenti della coppia protagonista.

«Io ho bisogno che mi ami», mi disse come se fosse un dato di fatto.
«Lo so, è l’incantesimo», gli risposi.
«Non è l’incantesimo! Diavolo, Dara, non lo sai! Lo puoi immaginare, ma non lo sai. Io ho bisogno che mi ami come ho bisogno dell’aria per respirare. Ecco quanto ne ho bisogno», rispose duro.

stelle 5

Recensione: Contrabbandieri d’amore di Laura Costantini e Loredana Falcone

Recensioni criccose - Stefania Siano Official

Contrabbandieri d'amore Autore: Laura Costantini e Loredana Falcone - Lubri nuove uscite di settembre- Stefania SianoTitolo: Contrabbandieri d’amore
Autore: Laura Costantini e Loredana Falcone
Editore: HarperCollins Italia
Genere: Storico
Link acquisto: HarperCollins

Sinossi: Napoli-New York, 1920 – Per Cecilia la felicità è poca cosa e si riassume nel sorriso del fratello Eugenio, appena tornato dalla guerra sano e salvo. E proprio per non deluderlo si lascia convincere a lasciare Napoli e i vicoli di sezione Mercato dove sono nati per inseguire un sogno di riscatto a New York. Ma ciò che trovano nella grande città americana sembra ricalcare la vita di stenti e amarezze che hanno patito entrambi fino a quel momento e Cecilia non ci sta. Non ha scambiato la povertà di Napoli con quella di New York, lei ora il sogno americano lo vuole davvero assaporare, vuole toccare con mano la promessa di felicità che ha visto scolpita nella Statua della Libertà e letto negli occhi di Sidney, il marinaio irlandese che le fa battere forte il cuore. E così decide per se stessa, per la prima volta nella vita. Eugenio trema dalla rabbia pensando che quell’America tanto sognata fino a quel momento gli ha dato solo dispiaceri. Perfino Cecilia lo ha abbandonato. Ma lui non è arrivato fin lì per arrendersi e, se c’è solo un modo per emergere dal marciume della povertà, ebbene lui imboccherà quella strada, anche se questo dovesse significare sporcarsi le mani. D’altra parte tutti in quella città sembrano invischiati in attività poco lecite, perfino Lisbeth Temperley, la bella irlandese che gestisce uno degli speakeasy più in voga di Broadway, e che lui, ogni notte, sogna… In un paese dove l’alcol è diventato merce di contrabbando, Eugenio e Cecilia giungono portando qualcosa di ancora più inebriante e proibito: l’amore, quello con la A maiuscola.Due fratelli, un sogno, una città dalle mille sfaccettature.

divisore

Passione, pazzia, azione e musica.
Tra la Napoli e la New York dei bellissimi anni ’20 conosciamo i fratelli napoletani Cecilia e Eugenio, entrambi con il sogno di cambiare la loro vita in meglio, scappando dai vicoli poveri della vecchia città borbonica per partire alla volta dell’America, una terra colma di promesse e possibilità. Durante il viaggio Cecilia cattura l’attenzione e la curiosità del fiero ed elegante marinaio Sidney che non smette di avere un occhio di riguardo per lei, arrivando a farle avere un lavoro ben pagato una volta sbarcati in America. Eugenio non vede di buon occhio il giovane uomo e mette in guardia la sorella, ricordandole di non cedere alle attenzioni di uno sconosciuto, per giunta non napoletano, o avrebbe fatto la fine della loro madre che altri non era che una povera donna che si concedeva alle attenzioni degli uomini per sopravvivere alla povertà. D’altro canto, Eugenio viene catturato dall’ammaliante Lisbeth, datrice di lavoro di Cecilia e grande amica di Sidney.

Napoli, 1920.
La felicità è poca cosa, pensò Cecilia. Due soldi di pummarola, una manciata di maccheroni, una spolverata di cacio. E la presenza di Eugenio a tavola. Suo fratello era tornato da un ospedale militare del nord e lei aveva dato fondo alle sue risorse nel tentativo di restituirgli il sorriso che la guerra gli aveva tolto.

Contrabbandieri d’amore è un romance storico ambientato negli anni venti, pieno di azione e adrenalina. Scopriamo ogni sfaccettatura dell’amore: quello folle, quello passionale, l’amore romantico e quello carnale. I personaggi sono ben caratterizzati e delineati nella trama. 
Cecilia è una donna che deve capire cosa vuole dalla vita e la sua mente e il suo cuore sono divisi tra il bel Sidney, che le promette amore e un futuro migliore, e il fratello Eugenio, che pretende che lei si unisca in matrimonio con un napoletano e che segua la via della giusta e devota moglie di famiglia. 
Eugenio assume il ruolo di padre, madre e fratello nei confronti della sorella e ci tiene che venga rispettata e che non segua le orme della madre. 
Lisbeth è una donna di mondo che ha sofferto molto, ma che ha anche tanto coraggio, forse più di tutti gli uomini che compaiono nel romanzo. Comprende i sentimenti combattuti della povera Cecilia che è folgorata dal sentimento che prova per il suo amico.
Sidney è il tipico marinaio don giovanni, che ama le donne e bere, ma la sua vita viene stravolta dalla semplicità e dalla spigliatezza della napoletana. 
La trama si alterna con i punti di vista dei quattro personaggi permettendo al lettore di entrare subito in sintonia con ognuno di essi. Per quanto riguarda lo stile di scrittura le autrici hanno optato di inserire solo delle parole chiavi in napoletano, cosa che ho reputato intelligente e corretta perchè non tutti possono amare una lettura con gran parte dei dialoghi scritti in dialetto, in questo modo hanno reso “agibile” il testo a tutti i lettori.
Altro punto che ho apprezzato tantissimo è che la storia non si sofferma solo e unicamente sui sentimenti dei protagonisti, ma si districa in una trama d’azione per i loschi commerci e le sparatorie tra fazioni opposte.
Contrabbandieri d’amore è una storia coinvolgente che trascina in un uragano di sensazioni e sentimenti fin dalle prime parole, facendo conoscere la dolce e povera Napoli, fino alla spietata e avventurosa  New York dove nulla ha mai fine.

stelle 5

Recensione: Ibrido di Isa Thid

Recensioni criccose - Stefania Siano Official

Segnalazioni di autori- Titolo: Ibrido Autore: Isa ThidTitolo: Ibrido
Autore: Isa Thid
Editore: editrice GDS
Genere: urban fantasy
Prezzo ebook: 2,99€
Link di acquisto: Amazon // Ultima books // Libreria Rizzoli // scribd

Sinossi: Sin da piccola Lara vede il Mondo Specchio attraverso qualunque superficie riflettente, per questo i genitori hanno tentato di curarla e poi fatta rinchiudere in un centro di salute mentale. A salvarla è stato lo zio, un vecchio alchimista che vive in una villa nella collina di Torino. Il romanzo si apre con un grande rituale in cui Lara unisce il mondo umano e il Mondo Specchio e genera l’Ibrido, accettando nella propria mente il suo doppio, un abominio dal grande potere. Un anno dopo arriva a Torino un’altra ragazza, Vera, legata al Mondo Specchio da un tatuaggio e un’antica profezia. Assieme alla sua coinquilina Lucia, una strega wiccan, incontra Telemaco, reduce del Mondo Specchio che comanda la resistenza contro l’abominio e la sua ospite umana, Lara. Le storie s’intrecciano nel nuovo mondo Ibrido tra magia, combattimenti e decisioni difficili, mettendo alla prova l’amicizia e la morale delle tre ragazze.
Contatti autore: Blog: MALEDETTA TASTIERA
Twitter: @isatgreen
Facebook: Isa Thid
Email: eliemi997@gmail.com

divisore

Questo piccolo volume più che un urban fantasy lo considero un horror fantasy: da brivido, emozionante e pieno di tensione.
Già il primo capitolo fa nascere la pelle d’oca perchè l’autrice descrive con accurata minuzia i particolari del rituale che sono inquietanti, sanguinosi e grotteschi e devo dire che mi è piaciuto veramente tanto! Finalmente leggo di un rituale che mi ha fatto tornare in mente l’epoca della streghe di Salem.

Erano dieci lunghi anni che suo zio Alfonso e la congrega preparavano quel rito,
da quando era venuta al mondo una bambina capace di vedere il Mondo Specchio
attraverso ogni superficie riflettente. 

Le protagoniste sono due: Lara e Vera. E’ la  prima che ha catturato particolarmente la mia attenzione, ovvero colei che riesce a vedere il Mondo Specchio che altro non è che il mondo che accoglie le creature incantate e per questa sua capacità, la protagonista viene confinata in un istituto per la salute della mente. Lara viene salvata dallo zio alchimista, ma tutto questo non certo per affetto, ma per portare al termine il rituale comportando la nascita dell’abominio che vive dentro di lei. 
Vera viene adottata dagli zii dopo l’incidente dei genitori e porta al polso un tatuaggio che la lega al Mondo Specchio. 
La storia ha un ritmo incisivo, anche se alcune parti descrittive le ho trovate un po’ prolisse, ma questo è semplicemente un’opinione personale. La trama è molto intrecciata e articolata e, per quanto lo apprezzi, devo dire che alcune volte mi sono un po’ persa nella lettura perchè il tutto è concentrato in poche pagine. 
Il finale è accattivante e ho apprezzato molto che l’autrice non si sia troppo soffermata sulla storia d’amore. Se amate le storie da brivido, che parlano di streghe e di creature incantate è la lettura che fa per voi.

tre stelle e mezzo

Recensione: L’accademia del bene e del male (Vol.2) di S.Chainani

Recensioni criccose - Stefania Siano Official
L'accademia del bene e del male (Vol.2) di Soman Chainani - Recensione- Stefania Siano OfficialTitolo: L’accademia del bene e del male – Un mondo senza eroi
Autore: Soman Chainani
Editore: Mondadori
Genere: Fantasy, Libri per ragazzi
Link acquisto: Amazon

Sinossi: Da quando Agatha e Sophie sono fuggite dall’Accademia del Bene e del Male sono diventate autentiche celebrità: hanno infranto le regole e vissuto la Fiaba fino in fondo, si sono conquistate il Lieto Fine che volevano e sono tornate, cosa mai successa. E ora fanno ciò che ci si aspetta da loro. Agatha si lascia imbellettare e vestire di rosa da Sophie che, ormai incapace di tenere a freno la cattiveria, è sempre più insopportabile. Finché l’amica, esasperata, si pente di avere scelto quel Lieto Fine e si rende conto di volere un principe per la sua storia. Basta quel piccolo momento di debolezza perché tutto ricominci da capo. Agatha e Sophie si ritrovano all’Accademia, dove però tutto è cambiato. Che fine hanno fatto le due scuole del Bene e del Male? E dove sono finiti tutti gli eroi, i principi, i maschi? Età di lettura: da 11 anni.

divisore

Finalmente sono riuscita a leggere il secondo volume di questa saga meravigliosa!
Se mi sono innamorata perdutamente del primo volume, il secondo mi ha lasciato ancor più esaltata ed entusiasta. Purtroppo non troverete la recensione del primo volume sul sito perchè quando l’ho letto non avevo iniziato a postare le “Recensioni Criccose”, ma se andate sul mio canale youtube (CLICCA QUI) troverete qualche video booktag in cui ve ne parlo. 
Bando alle ciance e trattiamo di questo piccolo tesoro della letteratura fantasy.
Passa un anno dall’avventura di Sophie e Agatha nell’Accademia del Bene e del Male e diventano delle vere e proprie celebrità per i cittadini di Gavaldon. Tutto sembra procedere per il meglio, ma in cuor loro le ragazze sono infelici ed entrambe esprimono due desideri che sono talmente sentiti e forti da creare una breccia tra il mondo dell’Accademia e il loro e, senza neanche accorgersene, nella fuga da esseri incappucciati e misteriosi che voglio uccidere Sophie, ritornano in quel mondo magico e particolare. Il mondo dell’Accademia è completamente cambiato da quando le nostre eroine sono tornate a casa perchè Agatha, salvando con un bacio Sephie e scegliendo lei invece del suo amato principe Tedros, ha ribaltato il mondo delle fiabe, un mondo in cui una ragazza, anche se principessa, non ha bisogno di un uomo che la salvi per avere il suo lieto fine. Così l’Accademia del Male diventa la scuola dei ragazzi, mentre l’Accademia del Bene è la scuola delle ragazze. Sophie e Agatha devono sistemare la situazione e mettere la parola FINE alla loro storia, peccato che il lieto fine dell’una non coincide con quello dell’altra. 
Dentro la foresta primordiale
c’è un’Accademia del Bene e del Male.
Ci sono due castelli, come teste gemelle:
uno benigno
l’altro maligno.
Prova a fuggire: le vie son bloccate.
L’unica uscita è una storia di fate.
Se nel primo volume ho adorato Agatha e detestato Sophie, in questo invece l’ho rivalutata e adorata. Soman Chainani riserva ampio spazio di azione alla bionda narcisista, si scopre di più sul suo passato, sul suo rapporto difficile con la famiglia e ciò non fa altro che marcare  in modo netto la sua fragilità. Sophie alterna momenti di pura cattiveria, per me anche giustificata, a momenti di smarrimento e incertezze. L’autore ci fa scoprire un personaggio che era rimasto nascosto nel primo volume, avvolto dall’egocentrismo e dal narcisismo, ma solo qui, nella seconda parte di “Un Mondo Senza Eroi” si percepisce la sua sofferenza.
Lo scrittore riserva la “stessa dinamica” anche al principe Tedros, del quale era già ben chiaro il suo trascorso particolare, ma in questa avventura ci addentriamo di più nella storia di Re Artù e di Ginevra. Trovo che Tedros sia la versione maschile di Sophie, entrambi incerti, insicuri e molto diffidenti. Entrambi con un passato segnato da un’infanzia non molto felice per i loro genitori ed entrambi molto volubili.
In ultimo c’è Agatha che assume più il ruolo di una principessa delle fiabe: cerca di seguire la sua razionalità, la cosa giusta da fare, ma è tormentata da quello che desidera realmente il suo cuore. Un personaggio anch’esso combattuto, ma che risulta molto più forte e determinato di Sophie e Tedros. 
La trama è avvincente e lascia sorpresi con tanti colpi scena, ammetto che mi sono anche commossa per uno di questi, un evento che non avrei mai pensato che potesse accadere in una storia del genere e allo stesso modo il finale lascia con ancor più sgomento. Adoro lo stile di Soman che è fresco e leggero, la storia ha un ritmo ben cadenzato e non cade in capitoli noiosi o prolissi. Ogni frase, ogni gesto, ogni pensiero ha un suo perchè, nulla è lasciato al caso.
E così, come Sophie e Agatha, il lettore si trova a esprimere un desiderio: quello di leggere al più presto il terzo volume.

stelle 5